Sperimentazione e dinamica del veicolo


La rifinitura di Nicolò Mancinelli, Vehicle Dynamics Engineer di Ducati Motor Holding, e di Daniele Catelani, Project Manager di MSC, chiude il ciclo di lezioni e fa da apripista alla trattazione dell’elettronica della motocicletta

Sperimentazione e dinamica del veicolo

Secondo checkpoint completato per gli Allievi del Master in Ingegneria della Moto da Corsa. Con la lezione di sabato scorso 18 novembre, tenuta da Nicolò Mancinelli, si è concluso il modulo dedicato alla dinamica del veicolo e all’acquisizione dati.

Ingegnere meccanico, dottore di ricerca in meccanica applicata, Vehicle Dynamics Engineer per Ducati Motor Holding, Nicolò Mancinelli ha completato il ciclo di lezioni iniziato dal suo collega di scuderia Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico del team Ducati SBK, completando una parte del percorso formativo che ha visto anche la partecipazione dell’ingegner Daniele Catelani, Senior Project Manager di MSC Software, azienda californiana che produce software per la progettazione e la prototipazione virtuale.

Ora membro del gruppo Hexagon, colosso svedese dell’information technology che opera in tutto il mondo su un’ampia gamma di settori, MSC è partner del Master sin dalla prima edizione del percorso formativo, e anche quest’anno ha conferito agli Allievi la possibilità di utilizzare i suoi software specialistici Nastran e Patran: nella lezione di sabato 11 Daniele Catelani, responsabile della formazione in Italia per MSC Software, ha tenuto un corso introduttivo per guidare gli Allievi all’ingresso nella vasta e qualificata community di utenti di questi applicativi, utilizzati per le analisi FEM, multibody e più in generale per la progettazione nel settore automotive.

La lezione di Nicolò Mancinelli ha trattato aspetti fondamentali della sperimentazione e della dinamica del veicolo: dalla stima delle variabili di cinematica e dinamica del veicolo, come velocità, accelerazioni, slittamenti, all’identificazione dei parametri di funzionamento degli pneumatici e la relativa analisi delle prestazioni. Ha anche gettato un ponte con il prossimo modulo del Master, dedicato all’elettronica della motocicletta. Mancinelli ha infatti offerto agli Allievi una prima panoramica sui sensori utilizzati, sul montaggio, sul trattamento dei segnali e sul funzionamento di una Inertial Measurement Unit.

Prima che gli Ingegneri completino però il passaggio dalla meccanica all’elettronica ci sarà spazio per le testimonianze di due prestigiosi partner del Master: sabato 25 interverranno infatti Paolo Gavardi e Michele Ratti, rispettivamente Applied Research Engineer di Pirelli e Responsabile Ricerca e Sviluppo di Regina Chain, per una giornata all’insegna dell’innovazione ingegneristica e dell’eccellenza mondiale Made in Italy.