Dallo scenario, al brand, al prodotto


Prosegue lineare il percorso degli Allievi dell’Executive Master in Fashion Management, impreziosito dalle prestigiose testimonianze di SAISEI e V° 73

Dallo scenario, al brand, al prodotto

La moda è la speranza di tempi migliori, ha detto di recente Tom Ford. Docenti e Allievi dell’Executive Master in Fashion Management questo lo sanno bene, e nonostante la difficile situazione proseguono le attività formative con la massima dedizione e una grande voglia di guardare al futuro.

A circa un mese dall’inizio della 7ª edizione, il percorso dei partecipanti ha già toccato tappe molto importanti. Come l’acquisizione di una visione completa e approfondita del mondo Fashion e delle sue evoluzioni più recenti, ottenuta insieme a Federico Bertini, Head of Marketing and E-Commerce di Aeffe Group. Con analisi di scenario, indagini di mercato e altre ricerche di carattere sia qualitativo che quantitativo, le sue lezioni hanno fornito ai partecipanti una panoramica esaustiva sulle tendenze in atto, sui comportamenti dei consumatori e su tutti quei fattori che i brand della moda osservano e interpretano quando si tratta di prendere delle decisioni strategiche.

Dal macro al micro: dallo scenario al prodotto, guardando sempre al brand

Dopo le lezioni con Bertini sugli scenari di settore, nelle settimane successive il focus si è via via concentrato sulla dimensione aziendale, per poi atterrare su quella di prodotto. Con Severo Monaco, Responsabile Global Customer Service di Woolrich, i partecipanti hanno analizzato il calendario delle attività delle aziende Fashion, soffermandosi su tutti gli step del processo che parte dalla pianificazione delle collezioni e arriva fino alla distribuzione dei capi nei punti vendita. Con lo stesso docente, i partecipanti hanno poi approfondito gli economics di base dei manager del Fashion, cioè quegli indicatori economici che guidano le scelte operative e determinano la sostenibilità del business nel lungo periodo.

Collega di Severo Monaco e Sales Manager Italia in Woolrich, Stefano Lorenzetti ha poi accompagnato gli Allievi nell’esplorazione delle strategie distributive, delle strutture commerciali e dei criteri che guidano l’individuazione del modello più coerente con le specifiche identità di brand.

Definito il modello di business, insieme a Roberto Ramazza, Operations and Supply Chain Manager Imax - Max Mara Group, i partecipanti hanno poi dato il via alla fase di produzione, con l’approfondimento sulla catena distributiva e sulle scelte logistiche, elementi determinanti sia dal punto di vista commerciale che valoriale del brand.

Infine il prodotto: “Dal brand alla collezione” è stato l’oggetto delle lezioni dello scorso sabato insieme a Chiara Zobbi e Fabio Benassi, rispettivamente Head of Merchandising and Product Development di Philosophy (Gruppo Aeffe) e Responsabile sviluppo prodotto e Fashion Designer di Twinset. La prima con una lezione dedicata all’abbigliamento, il secondo con un focus sugli accessori.

Testimonianze d’autore: SAISEI e V° 73

A impreziosire ulteriormente queste prime settimane di lezione, si sono inserite in calendario due testimonianze di assoluto prestigio, che a partire dalle borse, l’accessorio femminile per eccellenza, hanno offerto agli Allievi l’opportunità di confrontarsi con due grandi imprenditrici del Fashion e del Made in Italy.

La prima è Giorgia Palmirani, designer e fondatrice di SAISEI, azienda produttrice di borse artigianali realizzate con materiali naturali di qualità, come tela canvas, pelle, tessuti ecologici e materiali di recupero, che ha condiviso con gli Allievi la propria visione in materia di sostenibilità, un tema sempre più centrale anche nel mondo Fashion.

La seconda è Elisabetta Armellin, pittrice, stilista e fondatrice di V° 73, brand che combinando i valori della qualità italiana e della tradizione artigianale con i più recenti progressi delle tecnologie della moda ha saputo affermarsi in tutto il mondo.

Il prossimo modulo: “Strategic Fashion Merchandising & Buying”

Acquisita una piena padronanza dei fattori che determinano lo sviluppo di un brand, per gli Allievi è il momento di spostarsi sulla catena retail: Buyer e Merchandiser sono due ruoli chiave nella gestione di un Fashion Business, e rappresentano i primi ingranaggi del processo di vendita.

Saranno Fabio Benassi e Federico Bonamici, Menswear & Footwear Merchandiser in Woolrich, a dare il via al viaggio nei trucchi e nei segreti di queste due professionalità, distinte ma anche complementari, per le quali ai Fashion Manager si richiedono flessibilità, sensibilità di prodotto, capacità analitica e una profonda conoscenza del mercato e del consumatore.

 

Vuoi acquisire anche tu le competenze per lavorare nel Fashion Management? Scegli subito il modulo che fa per te!